La deforestazione come problema ambientale: conseguenze e soluzioni

— Aggiornata:
La deforestazione come problema ambientale: conseguenze e soluzioni
Editorial
Promdevelop editorial team

Le distese forestali sembrano quasi illimitate. Ma anche su una tale scala, una persona nel processo di attività economica riesce a infliggergli danni.

La deforestazione allo scopo di raccogliere legname in alcuni luoghi si sta diffondendo. Tale uso intensivo e irragionevole porta gradualmente al fatto che il fondo forestale inizia ad esaurirsi. Questo è evidente anche nella zona della taiga.

La rapida distruzione delle foreste porta alla scomparsa di flora e fauna uniche, nonché al deterioramento della situazione ecologica. Ciò è particolarmente vero per la composizione dell’aria.

Principali cause della deforestazione

Tra i motivi principali della deforestazione, prima di tutto, vale la pena notare la possibilità del suo utilizzo come materiale da costruzione. Inoltre, molto spesso, le foreste vengono abbattute allo scopo di costruire o utilizzare terreni per terreni agricoli.

Idrogeno verde: la fonte di energia del futuro?
Idrogeno verde: la fonte di energia del futuro?

Questo problema divenne particolarmente acuto all’inizio del XIX secolo. Con lo sviluppo della scienza e della tecnologia, la maggior parte del lavoro di abbattimento iniziò a essere svolto dalle macchine. Ciò ha consentito di aumentare notevolmente la produttività e, di conseguenza, il numero di alberi abbattuti.

Un altro motivo per il disboscamento massiccio è la creazione di pascoli per gli animali da fattoria. Questo problema è particolarmente rilevante nelle foreste tropicali. In media, il pascolo di una mucca richiederà 1 ettaro di pascolo, ovvero diverse centinaia di alberi.

Perché le aree forestali dovrebbero essere preservate? Quali sono le cause della deforestazione

L’area forestale non è solo alberi, arbusti ed erbe aromatiche, ma è anche composta da centinaia di esseri viventi diversi. La deforestazione è uno dei problemi ambientali più comuni. Con la distruzione degli alberi nel sistema della biogeocenosi, l’equilibrio ecologico è disturbato.

La distruzione incontrollata delle foreste porta alle seguenti conseguenze negative:

  1. Alcune specie di flora e fauna scompaiono.
  2. La diversità delle specie sta diminuendo.
  3. Il biossido di carbonio inizia a salire nell’atmosfera.
  4. Si verifica l’erosione del suolo, che porta alla formazione di deserti.
  5. In luoghi con un alto livello di acque sotterranee, inizia il ristagno idrico.

deforestation

Interessante! Più della metà di tutte le aree forestali sono foreste tropicali. Allo stesso tempo, circa il 90% di tutti gli animali e le piante conosciuti vivono in essi.

Statistiche sulla deforestazione nel mondo e in Russia

La deforestazione è un problema globale. È rilevante non solo per la Russia, ma anche per un certo numero di altri paesi. Secondo le statistiche sulla deforestazione, ogni anno nel mondo vengono abbattuti circa 200.000 km2 di foreste. Questo porta alla morte di decine di migliaia di animali.

Perché il cielo è blu?
Perché il cielo è blu?

Se consideriamo i dati in migliaia di ettari per i singoli paesi, avranno questo aspetto:

  1. Russia – 4.139;
  2. Canada – 2:45;
  3. Brasile – 2.15;
  4. Stati Uniti – 1,73;
  5. Indonesia – 1.6.

Il problema della deforestazione è meno colpito da Cina, Argentina e Malesia. In media, circa 20 ettari di piantagioni forestali vengono distrutti in un minuto sul pianeta. Questo problema è particolarmente acuto per la zona tropicale. Ad esempio, in India, in 50 anni, l’area ricoperta di foreste è diminuita di oltre 2 volte.

In Brasile, vaste aree forestali sono state disboscate a scopo di sviluppo. Per questo motivo, le popolazioni di alcune specie animali sono state notevolmente ridotte. L’Africa rappresenta circa il 17% dello stock forestale mondiale. In termini di ettari, si tratta di circa 767 milioni. Secondo gli ultimi dati, qui vengono abbattuti circa 3 milioni di ettari ogni anno. Oltre il 70% delle foreste africane è stato distrutto negli ultimi secoli.

Anche le statistiche di registrazione in Russia sono deludenti. Soprattutto molte conifere vengono distrutte nel nostro paese. Il taglio di massa in Siberia e negli Urali ha contribuito alla formazione di un gran numero di zone umide. Va notato che la maggior parte dei tagli sono illegali.

Gruppi forestali

Tutte le foreste sul territorio della Russia possono essere classificate in 3 gruppi in base al loro valore ambientale ed economico:

  1. Questo gruppo include piantagioni che hanno una funzione di protezione dell’acqua e protezione. Ad esempio, possono trattarsi di cinture forestali lungo le rive dei corpi idrici o di aree boschive sui pendii montuosi. Questo gruppo comprende anche le foreste che svolgono una funzione sanitario-igienico-sanitaria, le riserve e i parchi nazionali, i monumenti naturali. Le foreste del primo gruppo rappresentano il 17% della superficie forestale totale.
  2. Il secondo gruppo comprende piantagioni in aree ad alta densità di popolazione e una rete di trasporti ben sviluppata. Ciò include anche le foreste con una base di risorse forestali insufficiente. Il secondo gruppo rappresenta circa il 7%.
  3. Il gruppo più grande, la sua quota nel fondo forestale rappresenta il 75%. Questa categoria include le piantagioni per scopi operativi. Grazie a loro, le esigenze di legno sono soddisfatte.
L’utopia è il luogo perfetto che non esiste
L’utopia è il luogo perfetto che non esiste

La divisione delle foreste in gruppi è descritta più dettagliatamente nei Fondamenti della legislazione forestale.

Tipi di compensazione

La raccolta del legno può essere effettuata in tutti i gruppi forestali senza eccezioni. In questo caso, tutte le talee sono divise in 2 tipi:

  • uso principale;
  • cura.

Ultimi abbattimenti

Gli abbattimenti finali vengono effettuati solo nelle piantagioni che hanno raggiunto il periodo di maturazione. Si dividono nelle seguenti tipologie:

  1. Solido. Con questo tipo di abbattimento si abbatte tutto tranne il sottobosco. Vengono eseguiti in una volta sola. La restrizione alla loro detenzione è imposta nelle foreste di conservazione ed importanza ecologica, nonché nelle riserve e nei parchi.
  2. Graduale. In questo tipo di abbattimento, il popolamento forestale viene rimosso in più passaggi. In questo caso, prima di tutto, vengono abbattuti alberi che interferiscono con l’ulteriore sviluppo dei giovani, danneggiati e malati. Di solito tra le fasi di questo abbattimento passano dai 6 ai 9 anni. Nella prima fase, viene rimosso circa il 35% del popolamento forestale totale. Allo stesso tempo, gli alberi troppo maturi costituiscono la maggior parte.
  3. Selettivi. Il loro scopo principale è la formazione di piantagioni altamente produttive. Durante questi vengono abbattuti alberi malati, morti, frangivento e altri alberi inferiori. Tutti i tagli di cura sono suddivisi nei seguenti tipi: chiarificazione, pulizia, diradamento e passaggio. A seconda delle condizioni della foresta, il diradamento può essere continuo.

Disboscamento legale e illegale

Tutti i lavori di deforestazione sono rigorosamente regolati dalla legislazione russa. Allo stesso tempo, il documento più importante è il “Biglietto di taglio”. Per la sua registrazione saranno richiesti i seguenti documenti:

  1. Una dichiarazione che indica il motivo dell’abbattimento.
  2. Piano dell’area con assegnazione dell’area destinata all’abbattimento.
  3. Descrizione fiscale delle piantagioni tagliate.

deforestation

Un biglietto di abbattimento sarà richiesto anche quando si esporta legno già raccolto. Il suo prezzo è proporzionale al costo della compensazione per l’uso delle risorse naturali. L’abbattimento degli alberi senza un’adeguata documentazione è classificato come disboscamento illegale.

Conseguenze della deforestazione

Gli effetti della deforestazione sono un problema di vasta portata. La deforestazione colpisce l’intero ecosistema. Ciò è particolarmente vero per il problema della purificazione e della saturazione dell’aria con l’ossigeno.

Everest: fatti interessanti sulla cima del mondo
Everest: fatti interessanti sulla cima del mondo

Inoltre, secondo studi recenti, è stato scoperto che l’abbattimento di massa contribuisce al riscaldamento globale. Ciò è dovuto al ciclo del carbonio che si verifica sulla superficie della Terra. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare il ciclo dell’acqua in natura. Gli alberi vi partecipano attivamente. Assorbendo l’umidità con le loro radici, la fanno evaporare nell’atmosfera.

L’erosione degli strati del suolo è un altro problema che accompagna il problema della deforestazione. Le radici degli alberi prevengono l’erosione e gli agenti atmosferici degli strati fertili superiori del suolo. In assenza di un bosco, i venti e le precipitazioni iniziano a distruggere lo strato superiore di humus, trasformando così le terre fertili in un deserto senza vita.

Il problema della deforestazione e come risolverlo

Piantare alberi è un modo per risolvere il problema della deforestazione. Ma non può risarcire completamente il danno fatto. L’approccio a questo problema deve essere completo. Per fare ciò, è necessario attenersi alle seguenti indicazioni:

  1. Pianificare la gestione forestale.
  2. Rafforzare la protezione e il controllo dell’uso delle risorse naturali.
  3. Sviluppare un sistema per il monitoraggio e la contabilizzazione del fondo forestale.
  4. Migliorare la legislazione forestale.

Nella maggior parte dei casi, piantare alberi non copre il danno. Ad esempio, in Sud America e Africa, nonostante tutte le misure adottate, la superficie forestale continua a diminuire inesorabilmente. Pertanto, per ridurre le conseguenze negative della registrazione, è necessario adottare tutta una serie di misure aggiuntive:

  1. Aumenta la superficie di impianto ogni anno.
  2. Creare aree protette con uno speciale regime di gestione forestale.
  3. Dedica forze significative per prevenire gli incendi boschivi.
  4. Introdurre il riciclaggio del legno.

Lotta globale contro la deforestazione

La politica di protezione delle foreste nei diversi paesi può differire in modo significativo. Qualcuno introduce una restrizione sull’uso e qualcuno semplicemente aumenta il volume delle piantagioni di ripristino. Ma la Norvegia ha sviluppato un approccio completamente nuovo a questo problema. Ha intenzione di abbandonare completamente la registrazione.

Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale
Globalizzazione: cause, conseguenze, problemi, ruolo nell’economia mondiale

Questo Paese ha ufficialmente annunciato che sul proprio territorio sarà attuata la politica della cosiddetta “deforestazione zero”. Nel corso degli anni, la Norvegia ha sostenuto attivamente vari programmi di protezione delle foreste. Ad esempio, nel 2015 ha stanziato 1 miliardo di rubli in Brasile per la conservazione della foresta pluviale amazzonica. Gli investimenti della Norvegia e di numerosi altri paesi hanno contribuito a ridurre del 75% il disboscamento.

Dal 2011 al 2015, il governo norvegese ha assegnato 250 milioni di rubli a un altro paese tropicale: la Guyana. E da quest’anno, la Norvegia ha ufficialmente dichiarato “tolleranza zero” per il disboscamento. Cioè, non acquisterà più prodotti forestali.

Gli ecologisti affermano che la carta può essere prodotta anche riciclando i rifiuti corrispondenti. E altre risorse possono essere utilizzate come combustibile e materiali da costruzione. Il Fondo pensioni statale norvegese ha risposto a questa dichiarazione ritirando dal suo portafoglio tutte le quote di imprese associate ai danni al fondo forestale.

Secondo il Wildlife Fund, ogni minuto le foreste con una superficie paragonabile all’area di 48 campi da calcio scompaiono dalla superficie terrestre. Allo stesso tempo, sono notevolmente aumentate anche le emissioni di gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale.

331
Contenuto Condividere