Vitamina K – un gruppo di vitamine liposolubili

Vitamina K – un gruppo di vitamine liposolubili
Immagine: Tetiana Kreminska | Dreamstime
Victoria Mamaeva
Pharmaceutical Specialist

La vitamina K è un gruppo di vitamine liposolubili che svolgono un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue, nel metabolismo osseo e nella regolazione dei livelli di calcio nel sangue.

Le verdure verdi contengono vitamina K1 (fillochinone) e vitamina K2 (menachinone), che viene sintetizzata nel sistema digestivo. Quali sono le cause e i sintomi della carenza di vitamina K? Perché viene somministrato ai neonati subito dopo la nascita?

A cosa serve la vitamina K

La vitamina K è un gruppo di composti chimici organici contenenti:

  • vitamina K1 (fillochinone);
  • Vitamina K2 (menachinone) – menachinoni a catena corta (incluso MK-4) e menachinoni a catena lunga (MK-7, MK-8, MK-9).

Le vitamine K1 e K2 differiscono nella loro struttura chimica, il fillochinone ha una minore biodisponibilità. Inoltre, vale la pena notare che K2 MK-7 ha una biodisponibilità maggiore rispetto a MK-4. Anche la vitamina K3 (menadione) è evidenziata in letteratura: è una provitamina sintetica che non si trova naturalmente in natura.

Vitamin K
Immagine: Ekaterina79 | Dreamstime

Le vitamine K1 e K2 sono composti liposolubili, mentre la vitamina K3 è composti idrosolubili.

La vitamina K è coinvolta in un processo enzimatico molto importante mediante il quale alcune proteine ​​del corpo acquisiscono la capacità di legare gli ioni di calcio. L’azione della vitamina K si esprime nel corretto funzionamento delle proteine ​​​​del sistema di coagulazione del sangue: questo composto ha un effetto antiemorragico. La vitamina K contribuisce anche al mantenimento del corretto metabolismo del calcio nel corpo ed è coinvolta nell’importante processo di formazione ossea.

Insieme alla vitamina D e al calcio, la vitamina K svolge un ruolo importante nel mantenimento della salute delle ossa, prevenendo, tra le altre cose, l’osteoporosi. Assumendo vitamina D, aumentiamo il fabbisogno di vitamina K2, che ha un effetto positivo sull’assorbimento del calcio. Se non siamo in grado di fornirne a sufficienza utilizzando una dieta equilibrata, è possibile includere integratori di vitamina D, K e calcio. In farmacia puoi trovare sia farmaci singoli che combinati.

La vitamina A è un componente importante di molti processi nel corpo umano
La vitamina A è un componente importante di molti processi nel corpo umano

Si stima che circa il 90% della vitamina K1 venga convertito in vitamina K2 (forma MK-4). Il processo di trasformazione avviene nei testicoli, nel pancreas e nelle pareti arteriose. Il corpo umano produce quasi esclusivamente la forma MK-4, che, come detto, è meno attiva della forma MK-7.

Vitamina K per i neonati

Il fabbisogno di vitamina K (fillochinone) per i neonati è fissato a 5 microgrammi per i bambini di età inferiore a 6 mesi e 8,5 microgrammi al giorno per i bambini di età compresa tra 6 e 12 mesi.

Nei neonati, l’automedicazione con vitamina K è limitata e dovrebbe essere utilizzata solo dopo aver consultato un pediatra. Secondo le raccomandazioni dei pediatri, ogni neonato dopo la nascita dovrebbe ricevere vitamina K1 profilattica. La via di somministrazione preferita della vitamina K1 è IM, mentre quando i genitori si rifiutano di somministrare la vitamina K1 IM, viene somministrata per via orale.

Vitamina K per adulti

Norme di vitamina K per gli adulti: 65 microgrammi per gli uomini e 55 microgrammi al giorno per le donne. Altre fonti professionali indicano che il fabbisogno giornaliero di vitamina K è di 75 microgrammi, a volte viene riportato che questo valore è superiore a 120 microgrammi al giorno per gli adulti.

La biotina è una vitamina B idrosolubile
La biotina è una vitamina B idrosolubile

Tuttavia, queste fonti non distinguono tra vitamina K e vitamina K1 o K2. Viene spesso sottolineato che la forma K2 MK-7 ha un vantaggio rispetto alla forma K2 MK-4 (la forma MK-7 è più attiva della forma MK-4). È anche importante sapere che i valori di cui sopra si riferiscono al fabbisogno di vitamina K del fegato (sintesi dei fattori della coagulazione del sangue), mentre il fabbisogno di vitamina K per altri tessuti del corpo non è stato determinato.

Quali alimenti contengono vitamina K

La vitamina K1 è sintetizzata nelle piante, si trova principalmente in tali verdure verdi:

  • spinaci;
  • lattuga;
  • cavolo;
  • broccoli;
  • cavoletti di Bruxelles;
  • prezzemolo;
  • asparagi

Piccole quantità di fillochinone si trovano anche nell’olio di colza, nell’olio di soia e nell’olio d’oliva. Questo composto è presente anche nella margarina, nella maionese, nello yogurt e nelle prugne.

Vitamin K
Immagine: Tetiana Kreminska | Dreamstime

La vitamina K2 è prodotta dai batteri nell’intestino tenue. La carenza può essere colmata dal consumo di prodotti animali contenenti menachinone.

Esso:

  • fegato di pollo;
  • manzo;
  • carne di pollo;
  • salame;
  • prodotti a base di latte fermentato;
  • tuorli d’uovo;
  • formaggi a pasta dura;
  • formaggi a pasta molle (erborinati);
  • pesce.

La vitamina K2 si trova anche in spezie come basilico e coriandolo, così come pane e crauti.

Carenza di vitamine

Negli adulti, la carenza di vitamina K2 è relativamente rara. I sintomi di una quantità insufficiente di vitamina K nel corpo includono, prima di tutto, la tendenza a sanguinare dalle mucose, dal tratto gastrointestinale o dal sistema urinario e dall’aumento del tempo di coagulazione del sangue. Ciò è dovuto a una diminuzione dell’attività dei fattori di coagulazione del sangue. I sintomi di carenza di vitamina K possono anche includere lividi e sanguinamento mestruale abbondante.

Il ruolo del potassio nel corpo umano
Il ruolo del potassio nel corpo umano

Nei neonati, la carenza di vitamina K può essere la causa della cosiddetta malattia emorragica neonatale. Ci sono tre forme:

  • precoce (raro, colpisce i neonati che non hanno ricevuto una dose profilattica di vitamina K);
  • classico (dal 2° al 7° giorno di vita);
  • tardivo (raro).

Il sanguinamento dovuto alla carenza di vitamina K nei neonati è una condizione pericolosa per la vita. Il sanguinamento può verificarsi, ad esempio, sotto forma di emorragia nel cervello o in altri organi interni.

Naturalmente, va notato che anche l’assunzione eccessiva di vitamina K è malsana. Dovresti sempre leggere le raccomandazioni sul dosaggio del produttore e ricordare che la vitamina K può essere trovata in una varietà di integratori multivitaminici.
1
Contenuto Condividere