Verdure: tutto è utile che ti è entrato in bocca

Verdure: tutto è utile che ti è entrato in bocca
Immagine: stockcreations | Dreamstime
Victoria Mamaeva
Pharmaceutical Specialist

Gli esperti concordano sul fatto che il futuro appartiene alle piante. La consapevolezza dell’impatto del cibo sulla salute del proprio corpo e del pianeta sta crescendo e sta portando sempre più persone a tagliare o limitare del tutto il consumo di prodotti animali.

Piatto sano

I nutrizionisti sottolineano l’importante ruolo delle verdure nella dieta.

Il piatto per un’alimentazione sana, progettato da esperti di nutrizione presso la Harvard School of Public Health, mostra le proporzioni in cui ogni gruppo di alimenti dovrebbe essere consumato. Secondo le linee guida, ogni pasto dovrebbe essere strutturato come segue: metà del piatto dovrebbe essere riempito con frutta e verdura, con una predominanza quantitativa di verdure, il meno lavorate possibile, un quarto con cereali integrali e l’ultimo con prodotti proteici.

Un’aggiunta importante al piatto sono gli oli vegetali di consumo moderato, come l’olio di oliva o di colza. La suddetta tavoletta sottolineava anche il valore dell’acqua potabile e dell’attività fisica.

Dove trovare le proteine

Nella dieta tradizionale, la carne e i latticini sono solitamente le principali fonti di proteine. Intanto, per motivi di salute, gli esperti di nutrizione raccomandano di limitare il consumo di carne, soprattutto rossa e di prodotti a base di carne, come i salumi. Allora, dove prendi le proteine ​​da una dieta a base vegetale?

Vegetables
Immagine: Julia Sudnitskaya | Dreamstime

Dovresti concentrarti principalmente su legumi, cereali (come riso, avena, miglio, grano, farro e segale), noci e semi. Pseudo cereali come amaranto, grano saraceno e quinoa, semi di sesamo, semi di chia e semi di girasole contengono anche quantità proporzionalmente elevate di proteine.

Combinando varie proteine ​​vegetali, come i legumi con i cereali, otterrai tutti gli aminoacidi di cui hai bisogno. È sufficiente mangiare proteine ​​​​da diverse fonti durante il giorno.

Sostituzione, non esclusione

Le diete a base vegetale non dovrebbero essere trattate come sacrificali. È più importante sostituire i prodotti animali con prodotti vegetali e hai molto da scegliere. La cosa principale è che la dieta è equilibrata, colorata e gustosa. Allora ti sarà utile pieno di sostanze nutritive. L’abile preparazione dei piatti è qualcosa che si può imparare.

Cacao – un miracolo della natura sano e gustoso
Cacao – un miracolo della natura sano e gustoso

Va ricordato che l’integrazione di vitamina B12 è consigliata nelle diete vegetariane e vegane. Inoltre, per un migliore assorbimento del ferro, vale la pena combinare cibi ricchi di questo elemento con verdure e frutta ricche di vitamina C.

Il cibo influenza tutto

Scegliere una dieta più a base vegetale è una delle cose migliori che puoi fare per la tua salute e quella dei tuoi cari. Le malattie sempre più indicate come i flagelli e le epidemie del tempo (tra cui il diabete di tipo 2, l’obesità, l’aterosclerosi e l’ipertensione) sono in gran parte il risultato di scelte di vita scorrette, tra cui un’alimentazione scorretta e costantemente variata, attività fisica insufficiente o disturbi emotivi .

Vegetables
Immagine: Annette Boettcher | Dreamstime

La cultura del paese crede ancora che i bambini abbiano bisogno di carne e altri prodotti animali per crescere. Questo è un mito popolare. Una dieta a base vegetale può essere introdotta in qualsiasi fase della vita, e l’assenza di prodotti animali non significa cattiva salute o ridotte energie.

La migliore prova di ciò sono atleti professionisti di successo come l’ultramaratoneta Scott Jurek o il bodybuilder Jim Morris, che sottolineano che rinunciare ai prodotti animali non impedisce loro di allenarsi. Contro. Una dieta equilibrata a base vegetale è adatta a persone che ogni giorno si impegnano molto (ad esempio, lavoro fisico), così come alle donne incinte e ai bambini piccoli.

Superfood – cibo che dovrebbe essere nella dieta
Superfood – cibo che dovrebbe essere nella dieta

Inoltre, preparando piatti a base di verdure al posto di carne e latticini, possiamo ridurre l’impatto negativo sull’ambiente. L’allevamento industriale e il consumo di animali sono tra i principali motori della crisi climatica globale, rappresentando almeno il 14,5% delle emissioni globali di gas serra. Ogni passo verso una dieta più a base vegetale ha senso: aiuta a ripristinare la biodiversità della Terra, ridurre le emissioni di gas serra e salvare migliaia di specie di piante e animali.

Fai amicizia con le verdure

Nella dieta dei bambini, vale la pena concentrarsi su frutta e verdura di diversi colori e forme per interessare il bambino. Lascia che prenda parte attiva nella preparazione del cibo: dall’idea del piatto, attraverso il processo di cottura, alla disposizione del piatto sui piatti.

Vegetables
Immagine: Oksun70 | Dreamstime

Vale la pena adattare le classi all’età e alle capacità del giovane amante delle verdure, ma in nessun caso dovresti ignorare la sua opinione o invitarlo a essere pronto. La partecipazione attiva alla preparazione del cibo dà al bambino la sensazione che la sua opinione conta e la soddisfazione per il piatto preparato è il miglior condimento che ti salverà dal piagnucolare a tavola.

Parliamo di cosa c’è nel nostro piatto – da dove viene il cibo, come viene prodotto, cos’altro può essere cucinato da esso, – dice Joanna Lotkowska. – I bambini sono interessati al mondo e alle questioni che li riguardano direttamente. Lo dimostra il grande interesse per la prossima edizione del programma educativo nazionale PREPARE Better Better World, avviato dal marchio Knorr, che mira a cambiare le abitudini alimentari dei più piccoli.

Il Ginkgo Biloba è un’erba umile con una ricca potenza
Il Ginkgo Biloba è un’erba umile con una ricca potenza

La campagna, rivolta ai bambini delle scuole primarie, dimostra agli studenti che anche un piccolo cambiamento nel piatto ha un enorme impatto sull’ambiente. La campagna mostra anche a genitori e tutori che i bambini capiscono molto, anche quando si tratta di fenomeni globali, vogliono imparare e sono aperti al cambiamento. E quale posto migliore per iniziarli, se non nella propria cucina e sala da pranzo?

1
Contenuto Condividere